logo

Come essere più creativi - Pt.2

28/06/2019
Luca Volpi
0 comments

La settimana scorsa abbiamo iniziato a parlare di cosa puoi fare concretamente per stimolare la tua creatività.

E oggi continuiamo a darti dei consigli che secondo noi possono essere utili!

Resta rilassato

Lo stato creativo è un mix di coscienza e inconscio, razionalità e irrazionale.

Se lasci troppo i freni, ottieni solo un caos di idee confuse; se resti troppo rigido, cercando di controllare tutto, finisci per ostacolarti con l’ansia di sbagliare, trovi problemi dove non ci sono, resti incagliato in vecchi modi di pensare…

Per non far sì che la tua razionalità diventi un ostacolo e non un vantaggio, devi cercare di rimanere rilassato.

Vediamo come:

  • Non concentrarti ossessivamente su ciò che vuoi fare: a un certo punto, dopo averci lavorato un po’, metti da parte il problema. Il tuo cervello continuerà ad elaborarlo, organizzando le informazioni che possiede e dandoti la soluzione in un altro momento. Ti è mai capitato di avere intuizioni brillanti mentre stai facendo la doccia, o poco prima di andare a letto? È perché il tuo cervello è rilassato e può lavorare in pace: non lo stai sforzando e agisce da solo. Ecco perché alcuni consigliano anche di lavorare quando si è un po’ stanchi (solo per ciò che riguarda l’aspetto creativo, ovviamente!): il cervello è meno bloccato dai nostri freni consci e agisce con maggiore libertà.
  • Svolgi attività pratiche: per quanto detto sopra, spesso succede di avere un’ottima idea mentre si sta facendo qualcosa di manuale o abitudinario, che richiede poco impegno mentale. Non solo attività pratiche, ma anche fare sport, o semplicemente lunghe camminate, aiuta molto. In questo modo rilassi il tuo corpo mettendolo in azione e rilassi la tua mente liberandola da troppi pensieri.
  • Medita: oltre ad avere moltissime proprietà benefiche per la tua salute, la meditazione può aiutarti a rilassarti o a concentrarti. Ce ne sono tantissimi tipi: ad esempio, puoi concentrarti sui pensieri che ti vengono in mente, allenando l’immaginazione, o concentrarti solo sul tuo corpo, o sul respiro, liberando la testa. Provali e usa quello più appropriato a seconda di cosa hai bisogno!

  • Ricordati di giocare: chi è tra i più creativi, sempre pronto a scatenare la fantasia e vedere le cose in modo diverso? I bambini! Allora impara da loro: mantieni un atteggiamento giocoso e spensierato, che ti permetta di sperimentare nuove strade senza essere bloccato dal timore di sbagliare. In questo modo mantieni elasticità mentale, perché anziché seguire ciecamente le regole già esistenti, puoi giocarci.

Impegnati

La creatività costa fatica e duro lavoro, è inutile negarlo.

Dante non si è svegliato una mattina e ha scritto la Divina Commedia: ci ha impiegato 20 anni. Per comporre la nona sinfonia Beethoven impiegò 2 anni, mentre per passare dalla relatività ristretta a quella generale, Einstein impiegò 10 anni.

Ecco perché l’impegno è importante tanto quanto il divertimento e la rilassatezza.

La chiave è trovare l’equilibrio tra tutti questi elementi, senza essere troppo ossessionato dal trovare una soluzione ma neanche troppo sciolto e disinteressato.

  • Persevera: senza un impegno costante la creatività non è possibile. Se sei davvero convinto di ciò che hai in mente, continua ad insistere (cercando sempre di avere uno spirito critico onesto). Tutte le tecniche che abbiamo scritto finora si possono applicare solo con uno sforzo (anche il relax!).  La comodità e la facilità sono caratteristiche di ciò che è già conosciuto e usato: se vuoi produrre qualcosa di nuovo, se vuoi sfruttare le tue potenzialità, devi sforzarti.
  • Organizzati: imponiti certi ritmi, certe scadenze e certi obiettivi. Trova dei processi e dei contesti che siano adatti a te: senti che lavori meglio se mediti, poi mangi, poi cammini e poi lavori? Ogni grande creatore del passato aveva la sua routine personale. Non voglio confonderti, perché nell’altro articolo ho scritto di rompere la routine. Vero! Ma il consiglio è di farlo ogni tanto, per aprire la testa; non sempre: altrimenti ti concentrerai su modi di fare sempre nuovi a cui non sei abituato, sforzando le tue energie mentali.

Che ne dici di questi consigli? Ti sono stati utili?

So che sono tanti, e forse ti sembreranno troppi, ma puoi iniziare a tenerne in considerazione alcuni e vedere se funzionano.

Tu hai altri modi in cui stimoli la tua creatività? Faccelo sapere, e come sempre, se ti serve qualcosa non esitare a contattarci.

About the author
Luca Volpi
Lascia un commento
Commenti utenti...

Potrebbero interessarti anche
Immagine anteprima post
09/09/2016
Enzo Volpi
0 comments
Immagine anteprima post
08/09/2016
Enzo Volpi
0 comments
Intrattieni ed emoziona i tuoi clienti Con la giusta strategia di marketing e comunicazione